martedì 16 agosto 2016

Crema leggera allo zafferano e Buone vacanze!!!

La cucina ha diverse somiglianze con la musica. Ci avete mai pensato?
Ogni canzone, di qualunque genere si tratti, nasce dall'unione di note. Solo pochi elementi miscelati tra di loro, uniti in accordi e dosati ora un po' di più ora un po di meno, in modo più lento o più veloce danno vita ad una varietà compositiva molto varia e potenzialmente senza limiti.
Ogni brano musicale nasce da un atto di creatività, dal gusto personale ma la conoscenza delle note e del risultato dei loro accostamenti rimane importante. Lo studio e la preparazione sono senza alcun dubbio doverosi, ma è la fantasia che guida poi nell'accostamento. Il risultato? Un'immensa varietà di musiche diverse tra di loro nate dagli stessi ingredienti che sembrano però ogni volta rinnovarsi.

Così accade anche per la cucina. A partire dai grandi maestri alla persona più negata, nella preparazione di un piatto bisogna scegliere gli ingredienti, dosarli e miscelarli tra di loro. Si può seguire una composizione già scritta, fare alcune variazioni e crearne una propria unendo tra di loro anche pochi ingredienti. Avete mai pensato le potenzialità che possono essere realizzate anche solo con farina, latte, zucchero e uova?? Dalla torta per la colazione, alle crepes, ai pancake, a muffin, dolci al cucchiaio.. pensate poi aggiungendo qualche ingrediente in più, infinite possibilità di creare e inventare ogni giorno.
Ecco quella di oggi è proprio una di queste preparazioni, chiamiamolo un'accordo. Si tratta infatti, di una preparazione di base che può essere utilizzato per realizzare altri piatti, per lo più dolci.


Pochi ingredienti di base con solo l'aggiunta di vaniglia e zafferano in pochi passaggi si trasformano in una golosa crema da utilizzare per tante preparazioni, come farcitura per dei bigne da servire in bicchieri insieme a frutti di bosco, granella di mandorle e zucchero, gocce di cioccolato.
Nei prossimi post vi farò vedere come l'ho utilizzata.
Certamente non ha la pretesa di essere chiamata crema pasticcera dal momento che per farla ho utilizzato un solo uovo, per di più intero e che la versione originale di certo può essere connotata da tanti aggettivi.. golosa, goduriosa, ..osa, ma non leggera. Ma è in ogni caso molto buona e delicata. Lo zafferano conferisce un delicato aroma oltre al colore giallo.


Tempo di preparazione: 15 minuti
Tempo di cottura: 5 minuti

INGREDIENTI
500 ml latte
140 g zucchero
50 g maizena
1 uovo intero
1 bustina di zafferano
Q.b. pistilli di zafferano (facoltativi)

PREPARAZIONE
1. Far scaldare in un pentolino il latte, senza mai arrivare all'ebollizione.
2. In un altro pentolino capiente, con una frusta, unire l'uovo allo zucchero e mescolare fino ad amalgamare. Aggiungere poi la maizena a poco a poco per evitare la formazione di grumi.
3. Far sciogliere a parte lo zafferano con un cucchiaio di latte caldo, quando stemperato unire al latte insieme ai pistilli.
4. Versare a poco a poco il latte caldo sul composto ed amalgamare bene il tutto, facendo attenzione anche in questo passaggio a non far formare i grumi.
5. Far addensare ora il composto sul gas, fino al raggiungimento della consistenza desiderata, mescolando con una frusta.
5. Versare in una terrina e far raffreddare.

TIPS:
- Si può sostituire lo zafferano con la scorza di lime o limone o con della vaniglia - il colore in questo caso non sarà di un bel giallo.
- Se nella fase finale ci fossero dei grumi, non disperate, la situazione può essere facilmente recuperata utilizzando un minipimer.

Tutti percepiamo la musica, ma non tutti sanno distinguere le note e gli accordi.
Tutti sentiamo il gusto, ma non tutti siamo in grado di riconoscere gli ingredienti.
Se è vero che c'è una grande differenza tra sentire ed ascoltare, è altrettanto vero per il cibo: nutrirsi è un bisogno, mangiare è molto di più!

E con questo post vi auguro una buone vacanze!!!
Ci vediamo qui a settembre, ma nel mentre potete seguirmi su:
Instagram: Babette_23
Twitter: QuantoBastaBlog 

domenica 3 luglio 2016

Digestivo alle Foglie di Limone e Alloro.. Beviamoci su!

Vi avevo anticipato nel post scorso che le ricette con le foglie di limone non sarebbero finite! Così eccomi qui con una nuova ricetta che le vede protagoniste.
Ne avevo davvero tante e buttarle via mi sembrava davvero un peccato. La filosofia #zerosprechi a volte ti porta a scoprire nuovi utilizzi e ti porta ad inventare e sperimentare con ingredienti a volte erroneamente chiamati "scarti". 
Questa volta con le foglie del limone ho preparato un digestivo davvero aromatico e profumato, gradevole al palato ma con gusto deciso.

Per la ricetta ho preso spunto da quella che di solito utilizzo per fare il limoncello, sostituendo, però, la scorza con le foglie. Ho pensato poi che l'accostamento con qualche foglia di alloro potesse dare quel tocco in più senza però stravolgere il sapore originario.
Il risultato mi è piaciuto.. molto.
Con pochi passaggi, lo si realizza facilmente.

www.qb-quantobasta.blogspot.it - Digestivo alle Foglie di Limone e Alloro


INGREDIENTI
700 ml acqua
500 ml alcool puro
500 g zucchero
30 foglie di limone
3 foglie di alloro

PREPARAZIONE
1. Lavare e asciugare le foglie.
2. Far macerare le foglie nell'alcool per una settimana al buio. Per fare questa operazione ho utilizzato un barattolo molto capiente, ma potete usare una brocca o un recipiente che andrete a chiudere bene. 
3. Trascorso questo tempo, preparare uno sciroppo facendolo sciogliere in un pentolino lo zucchero e l'acqua. Portare ad ebollizione e far raffreddare. Poi unirlo all'alcool e foglie. Far riposare per 24 ore.
4. Filtrare e imbottigliare.

Conservare in frigorifero o in freezer.

www.qb-quantobasta.blogspot.it - Digestivo alle Foglie di Limone e Alloro

Et voilà.. il digestivo è servito!
Buona domenica!
Barbara

sabato 28 maggio 2016

Involtini in foglie di limone

Diversi tipi di foglie possono regalare insoliti e piacevoli aromi ai cibi, ne sono un esempio le foglie di limone. 
Avete mai provato a spezzarne una? Se non l'avete mai fatto, provate! Rimarrete davvero stupiti da quanto aroma contengono.
A casa QuantoBasta. di recente è stato tempo di potature che hanno coinvolto anche la piccola pianta di limone, cresciuta notevolmente nell'ultimo periodo. 
Ecco questa ricetta (ma ne seguiranno anche altre) e' nata per "salvare" e dare una seconda vita a delle foglie che stavano per essere gettate via.
Avvolgendo la carne nelle foglie di limone, potrete gustarla leggermente aromatizzata dai succhi che le foglie le trasferiscono in cottura, conferendole un delizioso profumo e un sapore molto particolare.


Per 2 persone
Tempo di preparazione: 20 minuti
Tempo di cottura: 20 minuti

INGREDIENTI 

6 fettine di lonza

6 fette di prosciutto crudo tagliate sottili

1 zucchina 

12 foglie di limone grandi

20 g pinoli

La scorza di un limone bio

Qb parmigiano

Qb sale

Qb pepe

Qb olio EVO



PREPARAZIONE

  1. Lavare bene le foglie di limone, anche se di origine biologica.
  2. Grattugiare la buccia del limone e tenere da parte.
  3. Lavare, asciugare la zucchina e ricavare con il pelapatate, nel senso della lunghezza, delle striscioline.
  4. Lavare e asciugare le fette di lonza. Mettere, una fetta per volta, tra due fogli di carta forno, e assottigliarle con un batticarne. Ripetere per tutte le fette.
  5. Posizionare su ogni fetta di carne, il prosciutto, due strisce di zucchina, un pizzico di buccia limone e poco formaggio. Lasciare liberi i bordi. 
  6. Aggiustare di sale e pepe e Ripiegare prima i lembi laterali e poi arrotolare ben stretto. Avvolgere nelle foglie di limone e fermare con uno stecchino.
  7. In una pentola antiaderente, far scaldare un cucchiaio di olio, aggiungere i pinoli e far rosolare gli involtini per circa 20 minuti, girandoli di tanto in tanto. Se necessario aggiungere un goccio d'acqua.
  8. Servire caldi.

TIPS 
- Il prosciutto crudo può essere sostituito con lo speck o con la pancetta
- Possono anche essere cotti sulla piastra o su una griglia.
 

Buon week end!
Barbara